«Durante l'esperimento, riferisce New Scientist, il team ha registrato l'attività cerebrale di singole cellule localizzate nella corteccia cingolata anteriore delle scimmie, un'area che si ritiene giochi un ruolo nel processo decisionale. Così si è visto che l'attività di uno specifico insieme di neuroni è associata alle decisioni prese. Ma dal momento che nel gioco è importante prevedere le intenzioni dell'avversario, il team ha individuato un altro insieme di neuroni all'interno della stessa area, che sarebbero responsabili di prevedere le mosse delle altre scimmie. Secondo gli scienziati, a differenza dei neuroni specchio - che si attivano quando compiamo la stessa azione di un altro - questi neuroni cercano di prevedere le intenzioni degli altri». [torna]

articolo presente su Repubblica VEDI